.
Annunci online

...e_se_c'è_chi_la_chiama_merda_io_la_chiamo_arte...
Qualsiasi cosa che fai o che dici potrà essere sempre giudicata e criticata.
post pubblicato in Diario, il 9 febbraio 2010

Scivolano i giorni, i mesi, gli anni e con sé portano via progetti ai quali ho creduto per un po’, un bel po’, nella mia vita. Poi ogni tanto capita di soffermarmi a guardare, a guardarmi indietro, ad osservare quello che ho costruito, anzi, che ho vissuto. C’è differenza, dato che non sono io a scegliere ma è la vita che sceglie per me. Beh osservando il tempo passato mi rendo conto che quello che si aspettavano gli altri da me quasi mai ha conciliato con ciò che veramente ha contato per me, le mie idee, i miei interessi, persino i miei valori sono stati contestati.

Non capisce la gente. Non le interessa capire. Quando vuole sapere come la pensi è solo per poi poterti dare addosso e puntare il dito. Ma ora, forse, ho finalmente imparato a stare zitta (ma neanche troppo), a contare prima di parlare (ma neanche troppo), basta fino a 10? E cosa succede se sbaglio? Succede che mi posso scavare la fossa, nessuna schance per una politicamente scorretta, nessun appello. Colpevole. E che succede se sono gli altri a sbagliare con me? Succede che devo essere superiore, lasciar passare, scordare tutto, e magari trovarmi pure una colpa. E scusatemi se non ho più fiducia.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. vita idee differenza colpevole

permalink | inviato da Concy31 il 9/2/2010 alle 19:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Sfoglia gennaio        marzo
calendario
rubriche
tag cloud
links
cerca