.
Annunci online

...e_se_c'è_chi_la_chiama_merda_io_la_chiamo_arte...
Tutto e niente
post pubblicato in Diario, il 21 gennaio 2013
Ieri, dopo diversi mesi, sono andata al mare. La mia casetta resiste ancora alle intemperie e alla furia del mare. Dopo una nottata di mal di testa e freddo, direi che mi ci voleva proprio. Con noi è pure venuta la signora F. che tenerezza sentirla parlare. Non si dà pace per la morte della figlia. Credo sia una valida ragione per abbandonarsi alla pazzia. Un vuoto che lacera.
Guardarla mi ha fatto capire tante cose. Dobbiamo vivere il nostro momento, cogliere l'attimo e non rimandare.
Ho respirato a fondo, al cospetto del mare e come è sempre mio solito fare, mi sono commossa.Troppe emozioni tutte insieme, troppi perchè. Uno sguardo al cielo e il mio pensiero va alla mia sorellina.
Troppe parole rimangono dentro. Vorrei avere più coraggio per dire, fare e godermi ciò che mi fa stare bene. Non sono convinta di esserne capace.
Probabilmente è un discorso che non ha nè testa nè coda. Le parole più importanti le scrivo, ma poi  le cancello.
E non finirà mai.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mare casetta emozioni cielo sorellina coraggio parole

permalink | inviato da Concy31 il 21/1/2013 alle 18:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
...
post pubblicato in Diario, il 5 gennaio 2010

Il difetto che non vorrei avere? Non saper perdonare. So farlo per le questioni stupide o se a farmi un torto è qualcuno al quale non tengo più di tanto ma, se a ferirmi è una persona per la quale nutro stima o affetto o se qualcuno mi scavalca distruggendo una mia idea, un progetto al quale io tenevo veramente, pur essendo cosciente del danno e del dolore che mi provoca, non riesco a passare oltre. Saper perdonare è l’atteggiamento più cristiano, più lodevole, più saggio, più nobile che si possa avere.

Dicono che quando ci riesci ti senti l’animo più leggero, proprio perché il male si trova dall’altra parte e non appartiene a te. Invece ci sono persone che io vorrei vedere sotto una macchina assicurandomi che provino cosa vuol dire essere schiacciati. Ok, lo so, esagero. Non sarei capace nemmeno di torcere un capello io, ma quella sensazione gliela farei provare volentieri. Non provo più affetto per loro, forse non l’ho mai provato, (d’altronde non me ne hanno mai dato la possibilità) ma non sopporto che siano gli altri, con i loro comportamenti, a cambiare la mia direzione. Fanno i cattivi, recano a me dolore ed io poi dovrei perdonarli? Nel contempo però, mi pervade un senso di colpa che mi fa sentire la coscienza sporca… solo perché non ho il coraggio di perdonarli, quando invece io non avrei nulla da rimproverarmi.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. perdonare affetto coraggio

permalink | inviato da Concy31 il 5/1/2010 alle 19:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Sfoglia dicembre        febbraio
calendario
rubriche
tag cloud
links
cerca